Ricircolo d’Aria nella Coltivazione Indoor: caratteristiche e importanza

Quanto è importante l’areazione nella coltivazione in grow box?

Innanzi tutto è fondamentale per evitare la troppa umidità e l’aumento della temperatura nell’area che usiamo per la coltivazione.

Sia in serra che all’interno delle grow room il ricircolo d’aria è un fattore molto importante. Quindi le operazioni di estrazione d’aria dall’interno dell’area è cruciale, in modo che l’aria interna venga riciclata ogni sei minuti.

Se parliamo di un sistema di estrazione d’aria completo dobbiamo considerare i seguenti elementi:

  1. L’estrattore d’aria. Il ruolo dell’estrattore è quello di far fuoriuscire in maniera adeguata l’aria consumata all’interno della grow room verso l’esterno, permettendo un adeguato ricircolo.
  2. La condotta flessibile per l’aspirazione dell’aria
  3. La ventola d’immissione. La ventola favorisce l’inserimento nella grow box dell’aria proveniente dall’esterno, in modo di avere sempre un ricambio di aria fresca e pulita.
  4. Ventilatore supplementare eventuale. In caso di necessità, una ventola aggiuntiva favorisce il ricambio d’aria, ad esempio se le piante all’interno della grow room sono molte e quindi producono una quantità di anidride carbonica maggiore.
  5. Filtro a carboni attivi. E’ un elemento opzionale, che ritorna molto utile ad esempio se la grow room si trova all’interno di ambienti domestici o comunque frequentati. Serve a filtrare l’aria che esce dalla grow room rendendola neutra rispetto ai cattivi odori che potrebbe rilasciare.

L’aspiratore d’aria viene scelto in base alla portata di ricircolo che possiede. Per calcolare la portata di un estrattore d’aria bisogna moltiplicare il volume dell’area(grow box o grow room) per 75.

Una volta che abbiamo stabilito la portata dell’estrattore d’aria possiamo scegliere un modello adatto alle nostre necessità. In questa fase si andranno anche a scegliere le condotte adeguate e i riduttori giusti per rispettare il diametro dell’estrattore scelto.

Si usano per unire queste parti, delle fasce di giunzione oppure dello scotch o nastro altamente resistente.

Le operazioni di ventilazione possono essere rese automatiche attraverso delle centraline di controllo, che regolano la forza dell’estrattore a seconda dell’umidità presente al momento e alla temperatura dell’ambiente.

Nella fase di crescita delle piante in ambiente delimitato, come le grow room, c’è il pericolo che le piante vadano ad assorbire una quantità elevata di anidride carbonica, che di conseguenza causeranno il rallentamento del percorso di crescita delle stesse.

Il ruolo dell’estrattore d’aria è proprio questo: inserire l’aria fresca all’interno della grow box. Un problema collaterale all’uso dell’estrattore è l’introduzione eccessiva di aria all’interno della grow room, che comporta quindi un abbassamento repentino della temperatura. Per bilanciare il tutto, in questo caso, si può erogare dell’anidride carbonica all’interno attraverso l’uso di bombole contenenti CO2.

Per approfondire ulteriormente gli elementi e le tecniche fondamentali per una coltivazione indoor ricca di soddisfazioni, è possibile seguire il blog di idroponico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *