Perchè il commercialista non mi consiglia di passare da ditta individuale a SRL?

 

Le motivazioni possono essere tante, bisognerebbe entrare nello specifico caso per caso, ma sostanzialmente si può dire che se un consulente fiscale non consiglia questo tipo di passaggio è principalmente per due motivi:

  • Reddito annuo inferiore ai 20mila euro
  • Minor numero di adempimenti da eseguire

Se hai una ditta individuale ed in effetti produci meno di 20mila euro all’anno di reddito imponibile, è molto probabile che con pochi semplici accorgimenti tu possa dedurre costi e detrarre IVA in modo del tutto lecito, andando a pagare pochissime tasse senza tante preoccupazioni: ti basterebbe applicare giusto qualche segreto del Corso Escapologia Fiscale.

La gestione di una SRL invece, richiede una burocrazia maggiore da parte del commercialista, con più adempimenti da fare rispetto ad una semplice ditta individuale. Di conseguenza anche i costi di tenuta della contabilità possono passare dai 1-2.000 di una ditta individuale ai 2-3.000€ di una SRL, ma questo molto spesso diventa un alibi banale perchè fermandosi a pensare alla complessità, o pensando di risparmiare 1.000€ all’anno, si perdono di vista gli enormi vantaggi fiscali che questo passaggio comporterebbe.

La scelta di non passare da una ditta individuale a una srl, oltre ad una enorme riduzione dell’imposizione fiscale, non ti permette di dedurre una serie di ulteriori costi oggi collegati alla tua attività individuale che probabilmente non stai deducendo proprio per l’impossibilità di discriminare la tua persona fisica dalla persona giuridica rappresentata dalla SRL, argomento ben spiegato nel corso Escapologia Fiscale.

Insomma, se cerchi come pagare meno tasse ed hai una ditta individuale, valuta come prima cosa quella di cambiare forma societaria, ma non farlo per sentito dire, e ascolta più di una campana. Molto spesso, se non hai ancora valutato questo cambiamento è responsabilità anche del tuo attuale consuelente fiscale…e se vuoi risparmiare sulle imposte, cosa che fino ad oggi non hai fatto, forse è il caso di iniziare a mettere in discussione anche lui…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *