Eczema atopico, topico, impetiginizzato, varicoso e Dermatite ed eczema nei bambini

L’eczema è un’affezione dermatologica acuta, subacuta e cronica, caratterizzata da arrossamento, vescicole, ispessimento cutaneo e croste. Spesso le lesioni causano prurito e sono intensamente pruriginose. L’eczema atopico, o costituzionale, solitamente esordisce nei primi mesi o anni di vita, si manifesta in maniera simmetrica o si associa a un’aumentata produzione di immunoglobuline (Ige). L’eczema topico, o da contatto, colpisce più l’adulto. L’eczema impetiginizzato è caratterizzato da lesioni vescicolo-pustolose da sovrapposizione batterica. L’eczema varicoso si manifesta a seguito di un’insufficienza venosa, in particolare dopo tromboflebite, con l’esioni eczematose su cute cheratosica, secca e distrofica. La valutazione medica è necessaria in ogni forma di eczema.

A completamento della valutazione clinica si consiglia l’esecuzione di un test di biorisonanza, che consente di individuare una condizione di intolleranza alimentare o di pregressa infezione non totalmente risolta. Permette inoltre di saggiare la risposta favorevole o meno dell’individua ai preparati indicati per la terapia, individuando i più adatti.

L’eczema e la dermatite che colpisce soprattutto i bambini, è noto come eczema costituzionale ed ha la tendenza a ricorrere in famiglie nelle quali sono frequenti asma, emicrania e febbre da fieno. La pelle assume un aspetto eczematoso in zone caratteristiche del corpo, soprattutto l’avambraccio, il retro del ginocchio, il viso.

L’eczema costituzionale può avere ricorrenza familiare o essere causato da un fattore esterno irritante. L’eczema costituzionale compare già nel bambino, in cui è colpito soprattutto il viso, e tende poi a ridursi nel cavo dei gomiti e sui ginocchi.

Gran parte dei bambini che soffrono di eczema costituzionale superano le peggiori manifestazioni dello stesso quando raggiungono la pubertà, anche se il discorso non ha validità assoluta.

Per curare con successo l’eczema costituzionale è bene ricorrere a frequenti visite dermatologiche.

GERMINAZIONE DEI SEMI DI CANNABIS: TECNICHE E CONSIGLI UTILI

I coltivatori e aspiranti tali sono sempre alla ricerca di nuove e migliori tecniche  per far germinare i semi cannabis. In genere tutta la procedura della coltivazione dei semi di cannabis richiede un lungo e accurato processo:  ogni singolo step deve essere eseguito con cura maniacale e senza lasciare nulla al caso. Ma la fioritura di questa pianta ripagherà ogni sforzo fatto, sotto ogni punto di vista.

Prima di iniziare la guida vera e propria è bene ricordare che ci sono due diverse tecniche di coltivazione della canapa: la coltivazione indoor e la coltivazione outdoor. Oltre questi due modi di coltivazione diciamo tradizionale, si stanno facendo spazio anche nuove tecniche di germinazione semi di canapa.

COLTIVAZIONE INDOOR E OUTDOOR PER SEMI DI CANNABIS

La coltivazione indoor, come suggerisce il nome, consente di piantare i nostri semi in spazi chiusi come una stanza, una serra o una grow box. In questo ambiente avverrà ogni fase dalla coltivazione, dalla germinazione alla fioritura.

Nella coltivazione outdoor invece, l’intero processo si effettuerà in campi di terra preparati ad accogliere i semi o i germogli di canapa.

COME FUNZIONA LA GERMINAZIONE

germinazione semi cannabis

La germinazione o germogliazione del seme di canapa è un processo molto importante: dobbiamo ovviamente dare al seme di marijuana tutto ciò di cui ha bisogno per sbocciare e diventare un bel germoglio.

Ma di preciso, di cosa ha bisogno un seme di canapa? Quanto tempo serve  per la germinazione semi canapa? E qual è il miglior approccio per fare crescere senza problemi questi semi minuscoli e fragili?

Calore, umidità e assenza di luce: queste sono le 3 parole chiave quando ci si chiede cosa serve al alla nostra pianta di marijuana per germogliare.

Di seguito descriveremo alcune delle migliori tecniche per far germogliare i semi di canapa.

Metodo con carta assorbente: Il metodo per la germinazione di semi di canapa tramite carta assorbente permette di far germogliare la sementa utilizzando della comune carta da cucina.

•             Il procedimento è piuttosto facile:

bagna due fogli di carta assorbente con acqua tiepida e avvolgi il seme all’interno;

•             fai attenzione che il seme sia sempre umido ma mai bagnato (un seme bagnato non avrà bisogno di germogliare per ricercare l’ acqua)

•             dopo qualche giorno molto probabilmente il seme sarà germogliato;

•             travasa il seme ma fai molta attenzione durante questo passaggio perché il germoglio è fragile.

Metodo con cubetti di lana di roccia o cubetti root riot: Questo metodo è molto usato grazie alla sua facilità di svolgimento.

•             Prendi dei cubi di lana di roccia o cubetti root riot;

•             inserisci al loro interno la sementa di canapa e immergili in un contenitore o in una vasca d’acqua arricchita con dello stimolatore per radici;

•             riponi in un vassoio i cubi di lana di roccia e coprili con un coperchio, poi chiudili in un posto con la temperatura compresa tra i 20 e 25 gradi.

•             aspetta almeno 2/3 giorni e poi vedrai la canapa germogliare

Metodo a terra o in plateau da semina: Questo è il metodo più tradizionale per seminare e far germogliare la canapa. E’ importante usare terra morbida e di alta qualità per favorire la germogliazione. Prima di iniziare a piantare, metti i semi a mollo in acqua tiepida con dello stimolatore di radici per qualche minuto.

•             Dopodichè pianta il seme a una profondità di 1 cm;

•             Ricopri il buco senza compattare troppo il terreno;

•             Annaffia il terreno quando noti che si sta  seccando.

•             Nel giro di 3/10 giorni i semi inizieranno a germogliare.

Nel caso si utilizzino dei plateau vuoti o dei plateau con il germoglio già pronto fai molta attenzione durante il travaso: i germogli sono molto delicati e capita anche  ai coltivatori più esperti di danneggiarli se maneggiati frettolosamente o in maniera maldestra.

IMPORTANTE: I semi non vanno mai tenuti per molto tempo in ammollo nell’acqua perché è molto alto il pericolo che marciscano. Inoltre la luce e il calore hanno enorme importanza per la buona riuscita della coltivazione, la cannabis ha bisogno di una temperatura che si aggira tra i 20° e i 25° gradi e deve avere la giusta dose di luminosità e oscurità, attestabile intorno a 12 ore per la luce e 12 ore di buio.

TALEE DI CANAPA: CLONIAMO LE NOSTRE PIANTE MIGLIORI

Possiamo ottenere una copia perfetta di una nostra pianta cresciuta bene semplicemente tagliando una porzione di ramo (detta talea) da una pianta madre di canapa. La talea quindi verrà stimolata a sviluppare un proprio apparato radicale da cui inizierà il processo di crescita che la porterà a diventare una pianta identica o quasi alla pianta madre.

La clonazione rimane il modo più semplice, veloce ed economico per ottenere nuove piante di Marijuana.

Con la clonazione delle talee di canapa avremo delle piante con la stessa genetica della pianta madre. Questo dimostra che tutti quegli esemplari che si svilupperanno da essa avranno la stessa qualità e caratteristiche identiche alla pianta genitrice.

Le talee prese da una pianta femmina avranno quindi nel loro dna il solo cromosoma femmina. Nel caso avete piante di una varietà di cannabis di alta qualità con componenti che ne migliorano il gusto, i sapori o che ne accentuano la potenza e la produttività avrete fatto bingo, perché grazie alla clonazione avrete la possibilità di ottenere gratuitamente molte copie di questa pianta.

Gioco Taboo il gioco da tavolo delle parole vietate

La parola Taboo significa termine che ha il divieto di pronuncia. Inoltre essa deriva dalla parola, detta in inglese, che significava divino e intoccabile. Taboo è un gioco di società che viene prodotto da imprese impiegate nella creazione di giochi da tavolo.

Come si gioca a Taboo?

Esso possiede delle modalità specifiche, che dovranno poi essere rispettate per avere un maggiore divertimento, ovvero: i giocatori devono essere spartiti obbligatoriamente in più squadre con un minimo di due persone e un massimo illimitato. I giocatori devono ricoprire diversi ruoli come ad esempio il controllatore (che in questo caso ne saranno due), esortatore delle parole, indovinatori, ecc.

Il gioco inizia con il rovesciare della clessidra, che indica la durata e quindi il tempo della partita, e si sceglie un suggeritore appunto che ha il compito di far indovinare la parola principale senza nemmeno accennare le altre paroline sotto di essa accompagnato ai lati da due persone che lo controlleranno per tutto il tempo del match e segnaleranno nel caso in cui egli dirà le parole sotto indicate.

Poi alle squadre vengono assegnati dei punti in base a tutte le parole che indovineranno, mentre invece se anche per sbaglio il giocatore suggerisce quei fatidici vocaboli inferiori o passa la parola gli viene tolto un punto in base a quante parole appunto passerà o sbaglierà. Ovviamente i ruoli girano in tutti i gruppi, quindi i suggeritori possono essere qualsiasi componenti del gruppo a cui si appartiene, e in questo caso dovrebbero scambiarsi.

Questo gioco è munito anche di un dado particolare determinato da: doppia clessidra (in questo modo si raddoppia il tempo della partita solo della squadra che lo ha lanciato), una parte che si chiama proprio come il nome del gioco, ” taboo ” (nel quale si gioca in modalità normale una partita), una colonna ( indica che il soggetto il quale suggerisce non deve muoversi, e quindi non deve gesticolare), un omino singolo (il quale viene scelto dal suggeritore una persona che dovrà provare ad indovinare le parole) e infine due omini (dove tutti i gruppi, indipendentemente da quanti sono, possono scoprire i termini). Per quanto riguarda l’età delle persone si parte dai tredici anni in su , possono anche giocare i bambini ma sotto la supervisione dei genitori.

Lo scopo di esso è far svelare dai componenti dei propri gruppi le parole che verranno poi suggerite, senza pronunciare delle altre espressioni che si trovano di sotto del termine da far indovinare. Potremmo fare un esempio: per far rivelare la parola “antidoto” non si devono dire i termini cura, medicina, veleno, rimedio e conforto. Per quanto riguarda la modalità per possederlo, esso può essere comprato direttamente nei negozi specifici che vendono i giochi di società o anche nei centri commerciali nel reparto hobby o divertimento, oppure, indirettamente, online andando su siti che lo predispongono. Diversamente dai giochi comperati nei negozi, nella modalità online si ha la possibilità di trovarli ad un prezzo più o meno ridotto da come si presenta normalmente.

Inoltre , facendo riferimento al contenuto di esso, predispone : di un dado ,di più di cinquecento carte diverse tra loro, da clessidra, da uno strumento che emana un suono particolare il quale viene usato per avvertire il suggeritore nel caso in cui dice la parola sbagliata e da un blocchetto di fogli per scrivere i punti che ogni squadra raggiunge. Infine questo gioco viene molto consigliato agli amanti del divertimento.

Giocattoli: definizone utilità e cenni storici

C’è un prodotto che tutti i bambini usano e amano ed è: il giocattolo.
Fin dai primi mesi di vita;i piccoli ne fanno la conoscenza per poi portare i giocattoli durante tutta la loro crescita imparando e divertendosi in compagnia dei loro amici giocando con bambole,macchinine,costruzioni ecc……
Amati anche dai più grandi; i giocattoli diventano parte di varie collezioni, dove col passare degli anni alcune diventano delle vere e proprie rarità ricercate dai collezionisti più assidui.

Ma quando nasce il primo giocattolo, qual è la sua utilità e la sua vera definizione? In questo articolo diamo una risposta a questi quesiti sui giocattoli, per farlo, abbiamo chiesto alcune cose a Daniela, una dei titolari di un importante brand del settore, Mazzeo Giocattoli e la ringraziamo per l’aiuto offerto.

Continua a leggere Giocattoli: definizone utilità e cenni storici

Pellicole di sicurezza: Cosa sono e a cosa servono

Per decidere quale modello di pellicole di sicurezza comprare per rendere sicuri i vetri di casa o ufficio da incidenti possibili soprattutto a bambini a causa della rottura dei vetri sei nel posto giusto! Di seguito puoi trovare diverse informazioni commerciali riguardanti le pellicole di sicurezza, utili affinchè il tuo acquisto sia soddisfacente scegliendo le pellicole di sicurezza per vetri giuste per la tua esigenza. Continua a leggere se vuoi sapere:

  • Cosa sono le pellicole di sicurezza
  • A cosa servono
  • Chi produce pellicole di sicurezza
  • Dove comprare le pellicole di sicurezza
  • Quanto costano le pellicole di sicurezza
  • Prezzi
  • Recensioni e opinioni
  • Caratteristiche e tipologie

Continua a leggere Pellicole di sicurezza: Cosa sono e a cosa servono

Prestito online: scelta caratteristiche e requisiti per ottenerlo

Cercare un prestito online vuol dire riuscire a comparare due o più prestiti e quindi trovare il migliore. Probabilmente siete giunti fin qui perché siete alla ricerca di liquidità o per acquistare un bene o semplicemente perché visti tempi vi trovate in difficoltà economica, dunque qui cercheremo di darvi le informazioni sul vostro prestito da richiedere online.

Continua a leggere Prestito online: scelta caratteristiche e requisiti per ottenerlo

Le Web Agency come nuova fonte di vantaggio competitivo

Dagli anni 2000 e ancora di più nell’ultimo quinquennio, la competizione tra le aziende ma anche il reperimento di nuovi clienti si è spostato dal face-to-face al Web. Oggi centinaia di aziende dalle piccole realtà alle medie dimensioni creano valore e business attraverso un semplice canale che è alla portata di tutti, Internet.
I motori di ricerca sono diventate le nuove miniere d’oro da cui estrarre le vendite e i profitti in quantità industriale e in tempi che sfiorano la velocità della luce.
Ma come si raggiunge questo risultato ? Basta spostare la vision imprenditoriale dal vecchio stile di sito web alla nuova concezione ottimizzata e orientata al risultato. Solo una buona Web Agency sfrutta e ottimizza il sito al fine di raggiungere il risultato desiderato, ma vediamo quali sono i principali obbiettivi da perseguire nella redazione di un sito web.
Primo punto, bisogna stare attenti all’immagine del sito, che sia bello, dalla disposizione armonica ed elegante.
Secondo punto, i social sono dei motori di diffusione del brand e vanno integrati con il sito web per essere più penetranti sul mercato.
Terzo punto, le parole Seo e Sem oltre ad essere ormai diventati dei nuovi vocaboli dall’uso comune sono anche dei strumenti che permettono di ottimizzare il sito sulla rete e rendono l’azienda più esposta alla luce dei consumatori.
Quarto punto, il miglior negozio è quello che non ha un canone di locazione, con questo non voglio dire che bisogna comprare una proprietà e farci un negozio ma che oggi è possibile realizzare un negozio on-line che non ha costi fissi come quello di mattoni ma che può essere integrato a quello fisico o essere la sola fonte di vendite.

Per sfruttare tutte le potenzialità della rete bisogna rivolgersi ad una buona Web Agency che permette di trasformare idee in opportunità e portare un’azienda orientata al profitto nel terzo millennio.

Il futuro del business

Molte aziende hanno già un sito web ma questo non è strutturato in modo da essere una risorsa per l’azienda ma pensato come una moda da rispettare in modo passivo e come tale che sia soltanto una fonte di costo priva di un significato economico. Oggi molte Web Agency propongono analisi gratuite e preventivi definiti nell’ottenimento del risultato proposto che è più affine allo scopo dell’azienda.
La competitività ha un costo definito ma anche un risultato prospettivo prevedibile che permette una riduzione del rischio nell’investimento di risorse economiche.

Alla nuova filosofia di business si stanno adattando sempre più aziende e questo rende le loro attività sempre più competitiva sul mercato mentre chi resta all’idea del vecchio modo di fare business e all’idea di sito come adempimento privo di significato, la fine dei tempi prosperi è sempre più vicina.

L’utilizzo del mobile sta soppiantando l’utilizzo del pc e dei notebook nella navigazione, un articolo di giornale raccontava che oggi oltre il 30 % delle persone si informa attraverso il cellulare e che il 15 % effettua ordini d’acquisto tramite smartphone, quindi perchè non sfruttare un opportunità che si sviluppa sempre più ?
I siti web possono essere ottimizzati anche per essere visualizzati tramite cellulare e questo può essere utilizzato a vantaggio di un’azienda lungimirante ma anche innovativa nel business e nella ricerca di nuovi mercati.

Un ultima risorsa non poco interessante è la rete social, che attraverso un’adeguata strategia, i suoi snodi e le sue dinamiche di mi piace e follow permette di creare delle vere e proprie ragnatele in cui centinaia e centinaia di persone si ritrovano inseriti e coinvolti facendo raggiungere sempre più lontano il proprio brand e la propria immagine.

Roberto Varriale consulenza e servizi di web marketing a Napoli

Ricircolo d’Aria nella Coltivazione Indoor: caratteristiche e importanza

Quanto è importante l’areazione nella coltivazione in grow box?

Innanzi tutto è fondamentale per evitare la troppa umidità e l’aumento della temperatura nell’area che usiamo per la coltivazione.

Sia in serra che all’interno delle grow room il ricircolo d’aria è un fattore molto importante. Quindi le operazioni di estrazione d’aria dall’interno dell’area è cruciale, in modo che l’aria interna venga riciclata ogni sei minuti.

Se parliamo di un sistema di estrazione d’aria completo dobbiamo considerare i seguenti elementi:

  1. L’estrattore d’aria. Il ruolo dell’estrattore è quello di far fuoriuscire in maniera adeguata l’aria consumata all’interno della grow room verso l’esterno, permettendo un adeguato ricircolo.
  2. La condotta flessibile per l’aspirazione dell’aria
  3. La ventola d’immissione. La ventola favorisce l’inserimento nella grow box dell’aria proveniente dall’esterno, in modo di avere sempre un ricambio di aria fresca e pulita.
  4. Ventilatore supplementare eventuale. In caso di necessità, una ventola aggiuntiva favorisce il ricambio d’aria, ad esempio se le piante all’interno della grow room sono molte e quindi producono una quantità di anidride carbonica maggiore.
  5. Filtro a carboni attivi. E’ un elemento opzionale, che ritorna molto utile ad esempio se la grow room si trova all’interno di ambienti domestici o comunque frequentati. Serve a filtrare l’aria che esce dalla grow room rendendola neutra rispetto ai cattivi odori che potrebbe rilasciare.

L’aspiratore d’aria viene scelto in base alla portata di ricircolo che possiede. Per calcolare la portata di un estrattore d’aria bisogna moltiplicare il volume dell’area(grow box o grow room) per 75.

Una volta che abbiamo stabilito la portata dell’estrattore d’aria possiamo scegliere un modello adatto alle nostre necessità. In questa fase si andranno anche a scegliere le condotte adeguate e i riduttori giusti per rispettare il diametro dell’estrattore scelto.

Si usano per unire queste parti, delle fasce di giunzione oppure dello scotch o nastro altamente resistente.

Le operazioni di ventilazione possono essere rese automatiche attraverso delle centraline di controllo, che regolano la forza dell’estrattore a seconda dell’umidità presente al momento e alla temperatura dell’ambiente.

Nella fase di crescita delle piante in ambiente delimitato, come le grow room, c’è il pericolo che le piante vadano ad assorbire una quantità elevata di anidride carbonica, che di conseguenza causeranno il rallentamento del percorso di crescita delle stesse.

Il ruolo dell’estrattore d’aria è proprio questo: inserire l’aria fresca all’interno della grow box. Un problema collaterale all’uso dell’estrattore è l’introduzione eccessiva di aria all’interno della grow room, che comporta quindi un abbassamento repentino della temperatura. Per bilanciare il tutto, in questo caso, si può erogare dell’anidride carbonica all’interno attraverso l’uso di bombole contenenti CO2.

Per approfondire ulteriormente gli elementi e le tecniche fondamentali per una coltivazione indoor ricca di soddisfazioni, è possibile seguire il blog di idroponico.

tecniche di agricoltura biologica

Rotazione delle colture

La coltivazione della stessa coltura anno dopo anno è stata identificata come problematica che riduce significativamente la fertilità del suolo e può causare un aumento della popolazione di parassiti e infestanti. Gli agricoltori biologici “Ruotano” la semina di colture da un appezzamento di terreno agricolo ad un altro nel quale il raccolto non può essere piantato nel sito originale se non passano almeno tre o quattro anni. La rotazione delle colture permette l’accumulo di sostanze nutritive. La rotazione delle colture permette anche ai predatori naturali di prosperare nell’azienda biologica.

Continua a leggere tecniche di agricoltura biologica