Eczema atopico, topico, impetiginizzato, varicoso e Dermatite ed eczema nei bambini

L’eczema è un’affezione dermatologica acuta, subacuta e cronica, caratterizzata da arrossamento, vescicole, ispessimento cutaneo e croste. Spesso le lesioni causano prurito e sono intensamente pruriginose. L’eczema atopico, o costituzionale, solitamente esordisce nei primi mesi o anni di vita, si manifesta in maniera simmetrica o si associa a un’aumentata produzione di immunoglobuline (Ige). L’eczema topico, o da contatto, colpisce più l’adulto. L’eczema impetiginizzato è caratterizzato da lesioni vescicolo-pustolose da sovrapposizione batterica. L’eczema varicoso si manifesta a seguito di un’insufficienza venosa, in particolare dopo tromboflebite, con l’esioni eczematose su cute cheratosica, secca e distrofica. La valutazione medica è necessaria in ogni forma di eczema.

A completamento della valutazione clinica si consiglia l’esecuzione di un test di biorisonanza, che consente di individuare una condizione di intolleranza alimentare o di pregressa infezione non totalmente risolta. Permette inoltre di saggiare la risposta favorevole o meno dell’individua ai preparati indicati per la terapia, individuando i più adatti.

 

L’eczema e la dermatite che colpisce soprattutto i bambini, è noto come eczema costituzionale ed ha la tendenza a ricorrere in famiglie nelle quali sono frequenti asma, emicrania e febbre da fieno. La pelle assume un aspetto eczematoso in zone caratteristiche del corpo, soprattutto l’avambraccio, il retro del ginocchio, il viso.

L’eczema costituzionale può avere ricorrenza familiare o essere causato da un fattore esterno irritante. L’eczema costituzionale compare già nel bambino, in cui è colpito soprattutto il viso, e tende poi a ridursi nel cavo dei gomiti e sui ginocchi.

Gran parte dei bambini che soffrono di eczema costituzionale superano le peggiori manifestazioni dello stesso quando raggiungono la pubertà, anche se il discorso non ha validità assoluta.

Per curare con successo l’eczema costituzionale è bene ricorrere a frequenti visite dermatologiche.

Si ringrazia la farmacia online AmaFarma per l’immagine.

 

 

Significato del numero 71 nella smorfia napoletana

Nella smorfia napoletana il numero 71 (in dialetto l’ommo e merda) rappresenta l’uomo senza valore, il cui comportamento deplorevole e miserevole ha minato la stima che nutrivamo per lui e per il suo operato. L’uomo in questione è una persona da cui dobbiamo stare alla larga, dato che la sua cattiveria e la sua disonestà possono essere contagiose. Il suo egoismo è palpabile in qualsiasi cosa che lui faccia e se potesse ucciderebbe i suoi stessi cari pur di ricavarne un vantaggio.

Nella smorfia antica il 71 corrispondeva infatti al cosiddetto “merdajuolo” che era colui che per mestiere raccoglieva le feci degli animali, in particolari dei cavalli che sostavano davanti a teatri, per poterle riutilizzare come concime per i suoi raccolti. I frutti della sua attività venivano puntualmente venduti agli aristocratici, ignari delle modalità usate dall’uomo. Da qui il “merdajouolo” ha avuto sempre di più un’accezione negativa, fino a significare un uomo disonesto e cattivo capace di ingannare anche sé stesso se fosse stato necessario.

Come per tutti i numeri della smorfia napoletana, il significato può variare a seconda dei vari numeri che lo seguono o lo precedono. Per cui tale uomo può essere il motivo di una profonda paura (90) o legato ad una situazione di disagio esistenziale che ci spinge a lamentarci per i nostri guai (60). In ogni caso il 71 ha un significato negativo perché rappresenta un uomo verso cui non bisogna nutrire nessuna stima e nessun tipo di aspettativa, anzi al contrario occorre stare molto attenti al suo operato, colmo di sotto trame oscure e di strategie create con il solo scopo di infliggere paura e tormenti. In particolare nella smorfia napoletana il 71 è uno di quei pochi numeri che condensa in sé una serie accezioni negative e pessimistiche sulla fiducia verso il genere umano.

Le Web Agency come nuova fonte di vantaggio competitivo

Dagli anni 2000 e ancora di più nell’ultimo quinquennio, la competizione tra le aziende ma anche il reperimento di nuovi clienti si è spostato dal face-to-face al Web. Oggi centinaia di aziende dalle piccole realtà alle medie dimensioni creano valore e business attraverso un semplice canale che è alla portata di tutti, Internet.
I motori di ricerca sono diventate le nuove miniere d’oro da cui estrarre le vendite e i profitti in quantità industriale e in tempi che sfiorano la velocità della luce.
Ma come si raggiunge questo risultato ? Basta spostare la vision imprenditoriale dal vecchio stile di sito web alla nuova concezione ottimizzata e orientata al risultato. Solo una buona Web Agency sfrutta e ottimizza il sito al fine di raggiungere il risultato desiderato, ma vediamo quali sono i principali obbiettivi da perseguire nella redazione di un sito web.
Primo punto, bisogna stare attenti all’immagine del sito, che sia bello, dalla disposizione armonica ed elegante.
Secondo punto, i social sono dei motori di diffusione del brand e vanno integrati con il sito web per essere più penetranti sul mercato.
Terzo punto, le parole Seo e Sem oltre ad essere ormai diventati dei nuovi vocaboli dall’uso comune sono anche dei strumenti che permettono di ottimizzare il sito sulla rete e rendono l’azienda più esposta alla luce dei consumatori.
Quarto punto, il miglior negozio è quello che non ha un canone di locazione, con questo non voglio dire che bisogna comprare una proprietà e farci un negozio ma che oggi è possibile realizzare un negozio on-line che non ha costi fissi come quello di mattoni ma che può essere integrato a quello fisico o essere la sola fonte di vendite.

Per sfruttare tutte le potenzialità della rete bisogna rivolgersi ad una buona Web Agency che permette di trasformare idee in opportunità e portare un’azienda orientata al profitto nel terzo millennio.

Il futuro del business

Molte aziende hanno già un sito web ma questo non è strutturato in modo da essere una risorsa per l’azienda ma pensato come una moda da rispettare in modo passivo e come tale che sia soltanto una fonte di costo priva di un significato economico. Oggi molte Web Agency propongono analisi gratuite e preventivi definiti nell’ottenimento del risultato proposto che è più affine allo scopo dell’azienda.
La competitività ha un costo definito ma anche un risultato prospettivo prevedibile che permette una riduzione del rischio nell’investimento di risorse economiche.

Alla nuova filosofia di business si stanno adattando sempre più aziende e questo rende le loro attività sempre più competitiva sul mercato mentre chi resta all’idea del vecchio modo di fare business e all’idea di sito come adempimento privo di significato, la fine dei tempi prosperi è sempre più vicina.

L’utilizzo del mobile sta soppiantando l’utilizzo del pc e dei notebook nella navigazione, un articolo di giornale raccontava che oggi oltre il 30 % delle persone si informa attraverso il cellulare e che il 15 % effettua ordini d’acquisto tramite smartphone, quindi perchè non sfruttare un opportunità che si sviluppa sempre più ?
I siti web possono essere ottimizzati anche per essere visualizzati tramite cellulare e questo può essere utilizzato a vantaggio di un’azienda lungimirante ma anche innovativa nel business e nella ricerca di nuovi mercati.

Un ultima risorsa non poco interessante è la rete social, che attraverso un’adeguata strategia, i suoi snodi e le sue dinamiche di mi piace e follow permette di creare delle vere e proprie ragnatele in cui centinaia e centinaia di persone si ritrovano inseriti e coinvolti facendo raggiungere sempre più lontano il proprio brand e la propria immagine.